Piangere

© Cecilia Bacci
© Cecilia Bacci

La mattina del 12 gennaio ho pianto, e pure tanto. Erano giorni che il tempo si era fermato. Proprio come si è fermato il 7 gennaio verso le 10: mondi paralleli che si sfiorano senza arrivare a toccarsi mai. In uno di questi, va tutto bene. In un altro, la quotidianità viene stravolta da una violenza inimmaginabile. Quando realizzi che vicino a te… No, aspettate, una violenza come quella di Charlie Hebdo non si realizza. Vedi le immagini, senti gli spari ma non capisci. Ti ricordi di quando sei scesa a Richard Lenoir per andare a tagliarti i capelli. Anche quello fu un vero disastro. Ecco, ti ricordi le tue piccole cose.

“Quanto è distante quella redazione dalla tua?”, chiedono gli amici. Tanto. No, poco. Saranno quattro fermate di metro. Allora è vicina. Bah, boh, non so. Ti ricordi che quei signori li hai intravisti durante qualche seminario dell’università.  E che poi ti è venuta voglia di leggere e di comprare quel giornale perché ti ricordava Il Vernacoliere. Ma quello era il 2010, oggi è tutta un’altra storia. Che ci volete fare, però, siamo toscani, ci offendiamo la mamma e poi siam amici come prima. Altro che le scazzottate del
Papa!

Ecco, il 12 gennaio ho pianto. Avrei potuto piangere perché era finalmente finita con la storia dell’esame di Stato. O perché ero stanca morta. E invece no. Ho pianto prima, su un giornale, seduta su una panchina di Santa Maria Novella, con un pennarello in mano per “leggere l’attualità”. Mi sono asciugata le lacrime con la carta di quel quotidiano e ho pensato “FANCULO ANCHE L’ESAME”.

Poi mi sono alzata a mi sono seduta al mio posto, nella carrozza 7. Due singhiozzi e il treno era già partito verso sud, direzione Roma.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...